Appendicite nei bambini: sintomi e trattamento

A che età e come si manifesta, a quali sintomi fare attenzione, che esami si possono fare e come si cura: tutto quello che c’è da sapere su questa infiammazione

Scopri il centro pediatrico
Appendicite nei bambini: sintomi e trattamento

Inizia con un calo di appetito e un vago mal di pancia, che tende ad aumentare con il passare delle ore fino a rendere necessario, in alcuni casi, il ricovero ospedaliero. Assieme ad Andrea Costantino, Gastroenterogolo del Centro Medico Santagostino, capiamo quali sono i sintomi e le cause dell’appendicite nei bambini e come trattare questo problema qualora dovesse insorgere. 

I sintomi dell’appendicite nei bambini

A quali sintomi dobbiamo prestare attenzione? “Solitamente l’appendicite si presenta con questa sintomatologia: si inizia con un calo dell’appetito e un fastidio localizzato attorno all’ombelico. Spesso, dopo 24 ore dall’esordio di questi sintomi, il dolore si sposta nel quadrante inferiore destro e viene esacerbato dal movimento: se si cammina o si sposta la posizione nel letto, peggiora. Dopo l’insorgenza di queste problematiche può venire anche il vomito e salire la febbre,  che si verifica comunemente da 24 a 48 ore dopo la comparsa di questi sintomi. Nei casi gravi si possono avere anche segni di irritazione peritoneale generalizzata. La durata dei sintomi può essere variabile, da 12  ore fino a qualche giorno”. 

A che età si potrebbe infiammare l’appendice

“Sebbene questi sintomi si verifichino spesso nei bambini e adolescenti in età scolare, è complessivamente meno comune nei pazienti pediatrici con appendicite rispetto agli adulti. Nei  bambini di età inferiore ai cinque anni  potrebbero non verificarsi affatto”.

Appendicite e neonati: quanto è frequente?

“L’appendicite nei neonati è rara. La bassa frequenza di appendicite in questa fascia di età è attribuita a differenze anatomiche nell’appendice (più a forma di imbuto rispetto che a forma tubolare), alla dieta leggera del neonato, alla rarità degli episodi di diarrea. Di contro però la mortalità per appendicite neonatale è più alta perché riflette la difficoltà di stabilire la diagnosi prima che si sviluppi la malattia avanzata, con perforazione e sepsi. Per quanto riguarda i sintomi, gli studi scientifici indicano che la distensione addominale, il vomito e la riduzione della nutrizione sono i segni più comunemente riportati nei neonati”. 

C’è un test specifico che si può fare?

“Nonostante i suoi limiti, un esame addominale affidabile è essenziale per dimostrare l’appendicite e richiede che il bambino sia tranquillo e collaborativo.  Anche se limitati nella loro capacità di differenziare l’appendicite da altre cause di dolore addominale, questi test di laboratorio sono in genere eseguiti nei bambini nei quali si sospetti un’appendicite, anche per  di escludere altre cause di dolore addominale:

  • Conta dei globuli bianchi (WBC)
  • Proteina C-reattiva (PCR)
  • Analisi delle urine (per escludere un’infezione delle vie urinarie)
  • Test di gravidanza sulle urine nelle femmine in età post menarca (per escludere una gravidanza extra-uterina)

Un esame diagnostico molto accurato è l’ecografia dell’addome o delle anse intestinali che permette di vedere se sono presenti dei segni ecografici di infiammazione dell’appendice”.

Quali sono le cause dell’appendicite nei bambini?

“Nella maggior parte dei casi, l’appendicite è causata da un’ostruzione del lume appendicolare. I responsabili della malattia potrebbero essere delle feci, cibo non digerito, altro materiale estraneo, o una torsione dell’organo stesso. Nel corso dell’appendicite, tecnicamente si verifica la dilatazione del lume appendicolare e le sue pareti si ispessiscono: la barriera mucosa si rompe e viene ‘invasa’ dai batteri. Se l’infiammazione della parete dell’appendice provoca peritonite, si ha dolore addominale  diffuso e l’addome diventa teso e duro. La perforazione si verifica raramente nelle prime 12 ore dall’insorgenza dei sintomi, ma è più probabile con il passare del tempo, diventando comune dopo 72 ore: si sviluppa se l’infezione non è contenuta. Raramente, l’appendicite nei bambini deriva da altre condizioni come la malattia di Crohn, il tumore carcinoide appendicolare, o la fibrosi cistica”. 

Come si cura l’appendicite

  1. L’intervento chirurgico
    “In genere la cura per l’appendicite è la rimozione chirurgica. La rimozione tempestiva di un’appendice infiammata impedisce la perforazione con peritonite ed è quindi curativa. L’appendicectomia tempestiva è stata ed è l’approccio standard da molti anni. L’appendicectomia consente anche l’esame patologico diretto dell’appendice e la diagnosi di eventuali altre patologie. Si tratta una procedura sicura nei bambini, che sviluppano meno complicanze rispetto agli adulti”. 
  2. Trattamenti non chirurgici
    “Nonostante l’intervento chirurgico sia dunque la terapia standard, tuttavia alcuni studi suggeriscono che la gestione non operativa in pazienti selezionati può avere successo.  A seconda della preferenza del medico, un trattamento non chirurgico dell’appendicite può essere un’opzione, basta che siano diagnosticati ad uno stadio precoce e che non ci siano complicanze. I protocolli antibiotici variano molto, ma in genere includono 1-2 giorni di terapia endovenosa ad ampio spettro fino a quando si verifica la risoluzione dei sintomi e la normalizzazione della conta dei globuli bianchi, seguita da una terapia con antibiotici per via orale in ambulatorio. I risultati iniziali di alcuni studi indicano potenziali benefici per bambini selezionati che presentano un’appendicite acuta non complicata. Tuttavia sono necessari ulteriori studi per fornire una guida su quali bambini dovrebbero essere sottoposti ad appendicectomia o a terapia antibiotica”.

C’è una dieta particolare da seguire in caso di infiammazione?

“Il supporto per la nutrizione parenterale (ovvero la somministrazione di cibo in vena) di solito non è necessario nei bambini con appendicite avanzata. È indicato invece per bambini precedentemente sani che non sono in grado di mangiare dopo una settimana. I pazienti che arrivano in ospedale già malnutriti dovrebbero iniziare la nutrizione in vena entro 48-72 ore dopo l’intervento chirurgico”. 

Quando si arriva all’operazione per l’appendicite nei bambini?

Il trattamento principale per l’appendicite è un intervento chirurgico per rimuovere l’appendice. Questo intervento può essere eseguito in due modi:

  1. Chirurgia aperta: il medico esegue un taglio nella pancia vicino all’appendice, quindi rimuove l’appendice attraverso quell’apertura.
  2. Chirurgia laparoscopica: durante la chirurgia laparoscopica (ovvero una tecnica chirurgica poco invasiva), il medico esegue alcuni tagli nella pancia che sono molto più piccoli dei tagli per la chirurgia aperta. Si inseriscono degli strumenti lunghi e sottili nel ventre attraverso queste aperture. Uno degli strumenti ha una lente (chiamata “laparoscopio”) all’estremità, che invia immagini a uno schermo TV: il medico può guardare l’immagine sullo schermo per sapere dove tagliare e cosa rimuovere. 

Se l’appendice del bambino è perforata, il medico eseguirà un intervento chirurgico per rimuovere l’appendice. Durante l’intervento, pulirà anche l’area nella pancia attorno all’appendice per lavare via il materiale fuoriuscito dall’appendice perforata. Questo intervento chirurgico può essere più complicato. Se sono trascorsi più di pochi giorni dalla perforazione dell’appendice, a volte il corpo forma un muro (piastrone) all’interno della pancia, per bloccare l’area che è stata infettata quando l’appendice è scoppiata. In casi come questi, il medico prima curerà il bambino con antibiotici e lo guarderà. Il chirurgo potrebbe togliere l’appendice una volta che gli antibiotici hanno fatto sentire meglio il bambino. Questo trattamento viene solitamente eseguito contemporaneamente a un test di imaging, in modo che il medico possa vedere dove posizionare l’ago. Dopo che il medico tratta l’infezione, potrebbe essere raccomandato un intervento chirurgico”.

Dopo l’intervento per appendicite ci sono delle precauzioni particolari da seguire?

“I bambini devono prendere degli antibiotici dopo l’appendicectomia fino a quando non tollerano una dieta regolare e sono senza febbre. Per i piccoli pazienti che hanno ancora la febbre si prescrivono studi di diagnostica per immagini per escludere la presenza di complicanze. Lo stesso accade se non sono in grado di tollerare una dieta regolare da cinque a sette giorni dopo l’intervento chirurgico, o hanno altre difficoltà”.

foto: Persone foto creata da freepik – it.freepik.com