Per un neonato la serenità della mamma è una risorsa preziosa: ecco come garantirla

I primi tre mesi del bambino sono fondamentali per il suo sviluppo: è questo il momento in cui impara ad adattarsi alla vita. Ecco come i genitori possono fare al meglio la loro parte

Scopri il centro pediatrico
Per un neonato la serenità della mamma è una risorsa preziosa: ecco come garantirla

I primi tre mesi del neonato sono fondamentali per il suo sviluppo. È questo il momento in cui il bambino impara ad adattarsi alla vita.

Lo sviluppo cognitivo parte dai sensi

È come se, tutto d’un tratto, il bimbo passasse da un soggiorno “all inclusive”, in pensione completa, a un trekking in tenda, senza alcun comfort. Nella pancia della mamma, vive in una situazione ideale: è al caldo, nel silenzio e al buio, è sempre nutrito e il tutto avviene senza che lui debba fare alcuno sforzo.

Dopo il parto, invece, si trova in una realtà completamente diversa in cui deve imparare nuove funzioni – come respirare, succhiare, digerire, espellere feci e urine – e nuovi ritmi, ad esempio di sonno e veglia, e poi abituarsi agli abiti, alla luce e ai rumori, cercando di governare un corpo che gli è estraneo e che si trova a disagio in uno spazio libero.

Questo processo di apprendimento avviene attraverso gli stimoli che arrivano al corpo del bambino e che il cervello elabora, sviluppando le sue varie competenze.

Che cosa devono fare i genitori

È importante che mamma e papà in questa fase siano consapevoli di come avviene lo sviluppo di loro figlio e stimolino i suoi sensi (vista, tatto, udito, odorato e gusto), dosando la qualità e la quantità delle interazioni in base alle sue preferenze, per avviare il processo di apprendimento.

In questo percorso i genitori devono sapere che nei primi tre mesi il bimbo non ha delle emozioni specifiche, ma vive degli stati emotivi che oscillano tra due poli: l’equilibrio e il disequilibrio (“non ho alcun bisogno perciò sto bene” / “ho un bisogno perciò sto male).

Compito del genitore è proprio riportare il bambino alla calma, ristabilendo una situazione di assenza di bisogni (essere cambiato, mangiare, dormire, essere stretto da un abbraccio).

Per mano alla scoperta del mondo: come essere un bravo papà

Un circolo virtuoso che si autoalimenta

Per il neonato, quindi, i genitori sono “istruttori di realtà”. Sono loro a dover spiegare con i comportamenti come funziona il mondo. Per farlo al meglio, devono essere sereni e per questo sono fondamentali queste condizioni:

  1. Il pediatra deve essere preparato e spiegare ai genitori come si sviluppa il bambino e come interagire al meglio con lui.
  2. Ci deve essere un aiuto familiare. Nei primi tre mesi di vita del neonato, il compito di accudirlo e decodificare i suoi bisogni assorbe quasi completamente i genitori, soprattutto la mamma. L’aiuto di qualcuno che sollevi la coppia dalle incombenze materiali, come pulire casa, fare la spesa o cucinare, è essenziale.
  3. Si deve instaurare un’alleanza tra i partner. Mamma e papà devono fare squadra. Nonostante i loro ruoli siano ben definiti, soprattutto in questa prima fase di vita del piccolo, entrambi sono insostituibili. Si deve quindi instaurare un circolo virtuoso, tenendo conto che la mamma deve occuparsi in modo pressoché esclusivo del bambino che non ha alcuna autonomia. In questa situazione, il papà può occuparsi del neonato prendendosi cura della mamma e cercando di farla star bene. Se lei sta bene, infatti, starà bene anche il loro bambino.
    Tutto questo genera una situazione di serenità che si riflette positivamente anche sul neonato e, a sua volta, sui genitori che hanno un rinforzo positivo rispetto alla loro capacità di essere dei bravi genitori. Una volta attivato, quindi, il circolo virtuoso funziona e si autoalimenta.

Il nostro corso

Per approfondire queste tematiche, potete partecipare al corso “I primi mesi di vita del neonato” che si terrà sabato 13 aprile nella sede del Centro Medico Santagostino di Repubblica (via Panfilo Castaldi, 6), raggiungibile con la metropolitana gialla Repubblica M3. Per informazioni e iscrizioni, scrivere a informazioni@cmsantagostino.it o chiamare lo 02 89701701.