Natale in sicurezza: tutti i consigli per passare le feste in serenità

Dagli addobbi alla scelta dei doni, ecco un po’ di consigli utili da seguire per un lieto Natale in famiglia

Scopri il centro pediatrico
Natale in sicurezza: tutti i consigli per passare le feste in serenità

Con l’arrivo delle feste, le case si riempiono di fiocchi, nastri e decorazioni. La giusta atmosfera per celebrare il Natale in famiglia. Ci sono però alcune accortezze da osservare per fare in modo che queste occasioni siano vissute in sicurezza e senza spiacevoli incidenti.

La casa

Preparare la casa per accogliere gli ospiti è una delle attività preferite anche dai più piccoli, ma attenzione a quali decorazioni e addobbi si scelgono. Meglio eliminare quelli più fragili, come quelli di vetro, e anche nastri e addobbi con cui i bambini potrebbero facilmente aggrovigliarsi e strozzarsi.

Occhio poi anche alle piante delle feste, come il vischio o la Stella di Natale. Le loro parti, se toccate o ingerite, possono essere tossiche e urticanti. Se volete comunque utilizzarle per dare un tocco natalizio alle vostre stanze, abbiate cura di posizionarle laddove sia difficile per i bimbi arrivare a toccarle.

L’albero di Natale

Un capitolo a parte lo merita la decorazione più importante delle feste: l’albero di Natale. Palline, luci, candeline e ghirlande sono una vera e propria passione dei più piccoli, che però potrebbero anche farsi male tirando gli addobbi e facendosi cadere addosso l’albero.

Tutto parte da una buona scelta, come riporta il decalogo dei vigili del fuoco sul tema. Se ne scegliete uno artificiale, verificate che sia autoestinguente (sulla confezione o nelle istruzioni all’interno ci può essere scritto anche “non infiammabile” o “ignifugo”).

Se, invece, lo prendete vivo, verificate che non sia secco toccando gli aghi: se si staccano facilmente, meglio optare per un altro prodotto: potrebbe infatti prendere fuoco facilmente e in breve tempo. «Preferitene poi uno che si possa riciclare, ripiantandolo. Un gesto a favore dell’ambiente, che è anche molto educativo per i bambini» consiglia la pediatra Daniela Callegari del Centro Medico Santagostino.

Attenzione poi alla base, appesantitela per essere sicuri che l’albero non si ribalti. Sempre a tal fine può essere utile assicurare la cima a un mobile o alla parete con dello spago.

Per quanto riguarda le decorazioni evitate quelle più fragili e pericolose, ad esempio le palline di vetro e le candeline accese, ma anche quelle troppo piccole che potrebbero essere ingerite dai più piccoli.

Importante è poi valutare la sicurezza degli addobbi comprati: le lucine in particolare devono essere a norma. Devono riportare il marchio CE e, se possibile, anche quello di sicurezza di un organismo di certificazione volontario, come IMQ, TÜV, GS, eccetera. Preferite quelle alimentate da un trasformatore (per evitare possibili surriscaldamenti delle lampadine) e prima di uscire di casa o di andare a dormire, è poi bene staccarle.

Il menù

Per far funzionare tutto al meglio, il consiglio è quello di organizzare la giornata in modo che rispetti i ritmi dei piccoli, soprattutto per quanto riguarda il pasto e il riposo. «Se c’è più di un bambino, organizzate un tavolo solo per loro e prevedete un menù adeguato. Per fare in modo che sia una festa per tutti, poi, non costringeteli a tavola, ma allestite uno spazio di gioco in cui potranno dedicarsi alla loro attività preferita» continua Daniela Callegari.

Nel menù è bene inserire della frutta – arance, mandarini, mele, pere, melograni – perché, come sottolinea la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale nel suo decalogo di consigli, «non bisogna far mancare ai bimbi un giusto apporto di fibre, vitamine e sali minerali».

E poi è raccomandato «Evitare assolutamente gli eccessi alimentari. Ogni anno i Pronto Soccorso registrano casi di bimbi “intossicati” a causa delle abbuffate natalizie». Qualche trasgressione è concessa, ma ricordando che l’organismo dei bimbi, specialmente quelli più piccoli, ha bisogno di regolarità».

I regali

Scartare i regali sotto l’albero è forse il momento più atteso dai bambini. Attenzione, però, a che cosa c’è dentro. Nei suoi 10 consigli, il Codacons allerta mamme e papà, ma anche nonni e zii, su alcune regole da seguire per evitare problemi.

Il primo è quello di acquistare solo quelli con i marchi di sicurezza IMQ e CE, che garantiscono la loro affidabilità. Esiste anche il marchio “Giocattoli sicuri” dell’Istituto Italiano Sicurezza Giocattoli.

È necessario poi prenderli adeguati all’età dei bambini ed evitare che abbiano parti appuntite e taglienti o che la confezione non sia integra. I materiali devono essere resistenti, meglio se naturali, come il legno o la stoffa.

Per maggiori informazioni: La visita pediatrica

C’è poi una questione legata anche alla quantità e tipologia dei giocattoli da far trovare sotto l’albero: «Consiglio di non regalare troppi doni a Natale: meglio distribuirli durante tutto l’arco dell’anno perché se sono troppi potrebbero disorientare il bambino e non stimolare la sua capacità di attenzione e portarlo più facilmente alla distrazione» sottolinea Callegari.

Il suggerimento è quello di farglieli scartare tutti durante le feste, ma poi selezionarne tre o quattro da tenere a disposizione e, dopo che il bimbo li avrà esplorati, farli ruotare con gli altri.

«Oltre a rispettare le norme di sicurezza, è bene che giochi siano scelti sulla base della loro capacità di stimolare specifiche abilità dei bambini»:

  • I giochi che coinvolgono l’area del movimento sviluppano l’intelligenza e la psicomotricità. Si tratta, ad esempio, della palla, il triciclo, il monopattino e la bicicletta.
  • I giochi capaci di stimolare l’area dell’immaginazione: danno la possibilità di creare e costruire. Un esempio sono le costruzioni, che non hanno regole o vincoli rigidi. Un’altra idea è quella di regalare vecchi teli, cappelli e borse, per dare ai piccoli la possibilità di sperimentare i giochi di ruolo e travestimento. Un’attività importante per lo sviluppo della fantasia, ma anche per il processo di identificazione e drammatizzazione importante a livello psicologico per stimolare l’empatia.
  • I giochi che si concentrano sulle attività manuali: ad esempio, materiali da plasmare, come la plastilina o la pasta di sale; fogli e colori per disegnare e colorare; e dai 4 anni, anche forbici dalle punte arrotondate per ritagliare. «Sono giochi particolarmente importanti, perché si è visto che le competenze della mano sono strettamente legate a quelle del linguaggio e quindi stimolarle sviluppa entrambe le abilità».

Nel computo dei doni «Ci devono poi sempre essere almeno uno o due libri e, magari, qualche strumento per la musica, come il tamburo o la trombetta, che non siano però elettronici, ma che facciano sperimentare al bambino la produzione del suono dal vivo».

L’atmosfera

Un altro aspetto su cui soffermarsi durante le feste è quello della “sicurezza emotiva”. Cioè, su come rendere il Natale un’esperienza serena da far vivere ai bambini e non un’occasione di tensione.

«Il Natale è un’occasione di intimità – spiega la pediatra del Centro Medico Santagostino -. C’è più tempo per stare insieme, incontrarsi e condividere le proprie esperienze. Talvolta, però, questi momenti si trasformano in episodi stressanti, dai ritmi troppo intensi ed eccitanti, o anche in situazioni di confronto e verifica, ad esempio quando chiediamo ai bambini di eseguire loro abilità, come recitare la poesia di Natale o ripetere le tabelline a memoria, danzare o cantare. Richieste che hanno lo scopo di gratificare l’adulto, ma che invece possono mettere in imbarazzo il bambino».

I piccoli non andrebbero costretti a questi comportamenti: «Un conto è prepararli al Natale, un conto è stressarli emotivamente».

Il Natale può invece essere un’ottima occasione per rinsaldare i legami familiari, organizzando qualche attività di gruppo che piaccia e coinvolga tutti: «Una buona idea è quella di preparare dei giochi o delle canzoni da fare insieme che divertano anche gli adulti. I bambini, infatti, sono più recettivi e felici se vedono che i grandi si divertono insieme a loro, mettendosi alla pari. Alcune idee possono essere: gli indovinelli, i disegni, i mimi o la lotteria con in palio i dolci».