Gravidanza

Sport in gravidanza: benefici e consigli per le mamme in attesa

Si può fare attività fisica durante i nove mesi di gestazione? Quali sono i rischi e i benefici per la futura mamma e il bimbo in arrivo? Ecco i consigli delle ostetriche

Scopri il centro pediatrico
Sport in gravidanza: benefici e consigli per le mamme in attesa

Una delle prime cose che si chiedono le donne incinta è se potranno fare sport in gravidanza. A meno che non ci siano complicazioni, la risposta è sì: anzi, allenarsi durante i nove mesi di gestazione – terzo trimestre incluso – fa bene alla salute della futura mamma e anche a quella del feto. Ci sono però alcuni accorgimenti che è meglio seguire: il primo è quello di consultare sempre il proprio medico prima di iniziare l’attività sportiva per evitare problemi.

I benefici dello sport in gravidanza

Fare esercizio fisico durante i nove mesi di gestazione, in condizioni normali di salute, è sempre consigliato. I benefici infatti sono moltissimi:

Sport in gravidanza: i consigli delle ostetriche

Una blanda attività fisica è, quindi, sempre consigliata alle donne la cui gravidanza proceda bene e senza complicazioni. Ecco qualche accortezza da tenere a mente per un pancione allenato.

  • Non esagerate
    Se non siete sportive, la gravidanza può essere un buon momento per iniziare a fare esercizio fisico. Se invece vi allenate già con costanza, continuate ma senza intensificare i ritmi.
    L’attività aerobica, comunque consigliata, non deve in alcun modo essere praticata per più di 30 minuti consecutivi.
  • Venti minuti al giorno
    Secondo le linee guida canadesi, le donne incinte dovrebbero accumulare almeno 150 minuti di moderata intensità fisica ogni settimana (circa 20 minuti al giorno) per ottenere benefici per la salute clinicamente significativi e ridurre le complicazioni durante la gravidanza.
  • Ascoltate il vostro corpo
    Se è vero che la gravidanza non è una malattia, è anche vero che in questo periodo sarete sicuramente più stanche: non preoccupatevi quindi di rallentare e cedere ogni tanto alla normale stanchezza fisica di questo periodo.
  • Bevete molto
    È un’indicazione sempre valida, in gravidanza e non, ma soprattutto in questo periodo in cui rimanere idratate è molto importante.
  • Fate uno spuntino
    È sconsigliato allenarsi a stomaco vuoto. Prima o dopo l’attività fisica mangiate uno snack, meglio se a base di frutta fresca di stagione o secca, per recuperare le energie perdute.

Gli sport da praticare in gravidanza

Quali sono gli sport ideali da praticare durante i nove mesi di gravidanza? Di sicuro è meglio evitare quelli a rischio di caduta, come l’arrampicata, l’equitazione o anche le camminate in montagna, o di contatto, come la boxe. Per quanto riguarda la bicicletta non ci sono forti controindicazioni, ma è bene non sottovalutare la possibilità di cadere.

Se frequentate un corso, non dimenticatevi di informare l’istruttore della vostra condizione prima di iniziare, per evitare gli esercizi più faticosi.

  • La camminata
    Una delle attività fisiche maggiormente consigliate in gravidanza è la camminata. È la più semplice delle attività, ma regala grandi benefici: tiene sotto controllo il peso corporeo e previene patologie come il diabete, l’ipertensione arteriosa, l’obesità, l’osteoporosi, ictus e infarto. Bastano anche trenta minuti e 10.000 passi al giorno per stare bene.
  • La corsa
    È consigliata, ma solo se siete già allenate, e per un tempo sempre al di sotto dei 30 minuti, perché si tratta di un’attività aerobica. Se non avete mai fatto jogging in vita vostra, meglio cominciare dalla camminata.
  • Il nuoto
    È lo sport migliore per le donne incinte: fa bruciare molte calorie, a fronte di un basso rischio di traumi. In più, dà sollievo rispetto ai dolori posturali della gravidanza, come il mal di schiena o la sciatica.
  • Lo yoga
    Un’altra attività fisica molto indicata in questo periodo di attesa è lo yoga. Aiuta a tenersi in forma, rilassarsi ed eliminare ansia e stress, ma anche a instaurare un contatto con il proprio bambino.
  • Il pilates
    Allungamento e rafforzamento dei muscoli, maggiore flessibilità e migliore postura. Il pilates può essere davvero un toccasana per le future mamme. Al Centro Medico Santagostino è possibile seguire un percorso di pilates individuale seguito dai nostri fisioterapisti.

Attività fisica dopo la gravidanza

Dopo il parto, addome e pavimento pelvico hanno bisogno di riposare per un periodo di circa 2 mesi prima di riprendere nuovamente una blanda attività fisica che può successivamente diventare più intensa.

Nel caso in cui ci fossero dei problemi di incontinenza urinaria, prolasso genitale o dolori durante i rapporti sessuali, si può intraprendere un percorso di riabilitazione con una serie di esercizi guidati dall’ostetrica. Qui trovate tutte le informazioni per la riabilitazione perineale.

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione o per aiutarci a fornire i nostri servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al nostro uso dei cookie.
Chiudi
Info